velocita google speed sito web seo

Come aumentare la velocità sul proprio sito web

Una delle cause cardine per aumentare le visite dei siti web e crescere nella ricerca di Google è quello di ottimizzare la velocità delle pagine web da posizionare. Secondo quanto era stato comunicato da Google alcuni anni fa, c’è da molto un metodologia che va a penalizzare i siti web veramente lenti, per migliorare l’esperienza dell’utente che utilizza Google per immaginare qualcosa.

Per poter aumentare la velocità del sito web occorre porre un limite i contenuti media. Infatti ogni media per essere mostrata deve avere diverse richieste al server su cui è posizionato il sito web e questo peggiora il tempo di processing della pagina web. Una delle principali cause di lentezza dei siti web è la presenza di media non ottimizzati, anche solo una foto non ottimizzata può creare problemi al punteggio finale di Google e relativamente anche il suo posizionamento. Google ha detto pubblicamente che utilizza il parametro della velocità all’interno del suo algoritmo.

Google Speed Update

Questo aggiornamento dell’algoritmo di Google 1 è stato molto discusso negli anni scorsi, visto che prima di questa modifica la velocità non era un fattore di ranking nelle SERP. Ora i siti con un punteggio Pagespeed in “rosso”, cioè molto basso, vedono una penalizzazione dei loro risultati, con consenguente peggioramento delle visite in entrata dal motore di ricerca.

Si tratta di un aggiornamento che va principalmente ad influenzare le SERP mobile, per via della maggiore ottimizzazione necessaria sui dispositivi mobili, con la conseguenza che molti siti web sono veloci sui laptop desktop e lenti su smartphone mobile.

La percentuale di abbandono degli utenti

Secondo uno studio portato avanti da Google, gli utenti lascerebbero la pagina influenzati anche dalla velocità di caricamento, con questi indicatori:

  • 3% di abbandoni se il sito web carica in più di un secondo
  • 30% di abbandoni se il sito web carica in più di 6-10 secondi
  • 20% di abbandoni se il sito web carica in più di 10-20 secondi

PageSpeed Insight

Da quando ci sono i dispositivi mobile questo metodo ha acquisito più autorevolezza, con la velocità mobile che risulta meno immediata per la connettività e il sito web potrà essere più leggero in confronto alla versione mobile. Se si prova a fare un test tramite il dispositivo messo a disposizione da Google, denominato PageSpeed Insight, si noterà come c’è una divisione tra risultati mobile e desktop. I siti internet con posizioni migliori su Google dovrebbero avere valori oltre il 90. Questo dovrebbe essere rappresentativo per chi vorrebbe posizionarsi nelle SERP, ottimizzando in ambito SEO il proprio sito web sui contenuti. A questo indirizzo è possibile visualizzare il test velocità per il nostro sito ed eventualmente provare a fare un test del vostro sito web.

Si tratta di uno strumento utilizzato da molti sviluppatori per verificare la velocità di un sito web, in maniera tale da poter poi ottimizzarlo e renderlo più veloce. Ci sono due suddivisioni dell’analisi, divise per mobile e desktop, questo perché spesso le connessioni tra i due dispositivi sono molto diverse, con una connessione più lenta su smartphone e tablet e per questo è necessario avere dei siti web veloci ed ottimizzati, altrimenti la pagina ci metterà più di un secondo per essere visualizzata.

  1. Mobile Speed UpdateGoogle.com